Alimenti e loro benefici, Uncategorized

Semi di chia: conosciamoli insieme

I semi di chia vengono ottenuti da una pianta denominata Salvia Hispanica, molto coltivata in centro-sud America e che cresce sponta

neamente in Messico e in Bolivia. E’ stata introdotta nel mercato UE nel 2009, anche se è ancora poco conosciuta. Eppure rappresentava uno degli alimenti tipici degli Aztechi , da cui derivavano la loro immensa forza.

PROPRIETA’

I semi di chia sono un vero e proprio superfood, in quanto sono ricchi di anti-ossidanti importanti.

Vediamone insieme qualche caratteristica. Hanno un contenuto di:

  • calcio 5 volte superiore al latte e ciò li rende la fonte vegetale più importante di tale minerale.
  • vitamina C 7 volte superiore alle arance
  • selenio, zinco, magnesio, ferro, potassio, Vitamina A-E e del gruppo B
  • 20% in peso di acidi grassi essenziali, in modo analogo ai semi e olio di lino
  • anti-ossidanti 4 volte superiori ai mirtilli

BENEFICI 

L’elenco precedente vi può aiutare a comprendere quanto siano salutari questi semi americani.

Ed è per questo che presentano diversi benefici:

  • regolazione dei livelli di zuccheri nel sangue, grazie alla loro ricchezza in fibre
  • effetto ipocolesterolemizzante
  • regolazione della pressione sanguigna
  • protezione dell’apparato cardiovascolare
  • azione anti-ossidante, molto utile nell’ambito di dieta anti-infiammatorie o per la fertilità e patologie autoimmuni
  • miglioramento del transito intestinale per il loro contenuto in fibre insolubili ed effetto lassativo naturale.

Per quanto riguarda quest’ultimo punto, infatti i semi di chia vengono spesso utilizzati per combattere stitichezza. Perchè? Il motivo risiede nel fatto che se messi in ammollo in acqua, creano mucillagini, che hanno la capacità di assorbire acqua e consentire la formazione della massa fecale.

QUANTI NE POSSIAMO ASSUMERE?

La dose consigliata è di 10-20 grammi al giorno (1-2 cucchiai), però vi consiglio di partire da dosi più piccole, ad esempio un cucchiaino, per testare il loro impatto sull’intestino. Attenzione a non esagerare! Se soffrite di sindrome del colon irritabile o altre condizioni particolari a livello gastro-intestinale, chiedete al vostro medico o nutrizionista se è il caso di assumerli. Non contengono glutine, quindi sono free per i celiaci.

COME CONSERVARLI

I semi di chia possono essere tranquillamente conservati in dispensa in un barattolo di vetro, protetti dal sole.

In uno dei prossimi articoli vi mostrerò qualche ricetta in cui inseririli.

 

Dott. ssa Arianna Izzo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *